IMG_6161

“LA STORIA DEL ROCK” al Festival Colpi di scena 2016

Il 5 luglio 2016 la nostra lezione-concerto “LA STORIA DEL ROCK” è stata proposta a Bagnacavallo (RA) all’interno del Festival “COLPI DI SCENA 2016”: vetrina delle produzioni di teatro ragazzi dell’Emilia-Romagna, già vincitrice del Premio “Stregagatto” come “Miglior Festival di Teatro Ragazzi” e organizzata da Accademia Perduta/Romagna Teatri col sostegno del Ministero per i Beni Culturali, la Regione Emilia-Romagna e i Comuni di Bagnacavallo e Faenza.

Lo spettacolo si è svolto in Piazza della libertà davanti a centinaia di organizzatori teatrali e un foltissimo pubblico interessato al viaggio nel rock proposto dai Flexus, questa volta rivolta non solo ai ragazzi ma anche a genitori e nonni trascinati da una storia in musica che ormai abbraccia tre generazioni.

DSC_8423

Debutta “La storia del rock 3” al Teatro Alighieri di Ravenna

I Flexus debuttano con la terza e ultima parte de LA STORIA DEL ROCK al Teatro Alighieri di Ravenna. Il nuovo spettacolo parte dal crollo del muro di Berlino, con la proiezione di un tg d’epoca agganciato all’esecuzione live di “Another brick in the wall – part II” che Roger Waters suonò nel 1990 in quella Potsdamer Platz, uno dei luoghi simbolo della Berlino divisa dal muro. Il viaggio è proseguito attraversando il grunge, il metal, il brit-pop e l’elettronica fino ai giorni nostri e si è concluso con una versione di “Viva la vida” dei Coldplay in cui sono passate alle spalle dei musicisti le immagini degli oltre 50 artisti trattati nelle tre puntate della lezione-concerto. Un pubblico delle grandi occasioni, con oltre  700 ragazzi e insegnanti, ha seguito con grande attenzione e coinvolgimento il “sentiero del rock” offerto dal gruppo carpigiano.

253631_10151308025806770_1919725690_n1

I Flexus a “Un treno per Auschwitz”

I Flexus hanno intrapreso un viaggio con circa 600 studenti delle scuole superiori di tutta la provincia modenese per partecipare al viaggio formativo di sei giorni “Un treno per Auschwitz” che si concluderà con un concerto del gruppo emiliano all’interno dello storico Klub Studio di Cracovia. Il viaggio prevede la presenza degli scrittori Paolo Nori, Carlo Lucarelli e l’attrice Roberta Biagiarelli.

La delegazione farà tappa nei campi di concentramento di Auschwitz e Birkenau per vedere le strutture in cui si è consumato lo sterminio. Il progetto è ideato e organizzato dalla Fondazione Fossoli. «Partecipano 32 istituti di tutta la provincia, e per l’edizione di quest’anno abbiamo aggiunto momenti di approfondimento nei campi», spiega Silvia Mantovani responsabile della Fondazione Fossoli. Che prosegue: «I ragazzi partono con determinate aspettative e preoccupazioni verso questi luoghi che hanno segnato la storia, poi al ritorno sono più consapevoli di cosa rappresentava Auschwitz: disumanizzazione e spersonalizzazione. Nei campi dedichiamo due intere giornate di visita per arrivare a una maggiore comprensione del meccanismo, mentre i ragazzi e gli insegnanti hanno partecipato a un corso di formazione prima della partenza in cui sono state ripassate la storia, il tema dell’antisemitismo».

I Flexus oltre a suonare nel concerto conclusivo al Klub Studio accompagneranno l’attrice Roberta Biagiarelli nel reading “La fine e l’inizio – Un mosaico di voci e testimonianze narrate”.